Cantieri di Cittadinanza

Tra l’inizio di gennaio e la fine di ottobre 2019, l’Associazione Sant’Andrea Apostolo della Carità, braccio operativo della Caritas diocesana di Adria-Rovigo, ha partecipato come partner ad un progetto finanziato dalla Regione Veneto con fondi del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali dal titolo “Cantieri di Cittadinanza”.

Il progetto ha messo in rete varie associazioni di volontariato della regione (Associazione Amici dei Popoli Padova, Arciragazzi Comitato provinciale di Vicenza, Associazione Popoli Insieme, Associazione Progetto cernobyl, Associazione Selvazzano For Children e Cestim Volontariato) già impegnate a diverso titolo in attività di supporto all’integrazione dei migranti.

In particolare le linee di azione hanno riguardato il sostegno all’integrazione di donne migranti con corsi di italiano, educazione civica e laboratori creativi affiancati al servizio di nursery per i figli, il contrasto alla povertà educativa con azioni di supporto scolastico e linguistico per minori, la formazione dei volontari e la sensibilizzazione nelle scuole su cittadinanza attiva, volontariato e bullismo.

Per quanto riguarda il territorio di Rovigo, grazie al progetto “Cantieri di Cittadinanza”, oltre all’implementazione delle attività della scuola di alfabetizzazione per donne “Vivere in Italia”, l’Associazione Sant’Andrea Apostolo della Carità ha potuto promuovere un corso di formazione sull’italiano come lingua non materna guidato dall’Associazione Asinitas Onlus di Roma che si è svolto a settembre e che ha visto la partecipazione di 30 persone tra insegnanti e volontari.

Anche il Comune di Lendinara è stato coinvolto come partner nel progetto; grazie a “Cantieri di Cittadinanza” oltre alla scuola per donne della Caritas diocesana di Adria-Rovigo, si è potuto così sostenere anche “Vivere in Italia 2”, la scuola di alfabetizzazione che da qualche anno la Parrocchia di Santa Sofia promuove con il supporto dell’Amministrazione comunale.

In aggiunta alle azioni concrete che ogni associazione ha potuto attivare nella propria realtà, la rete di partner ha condiviso un percorso di riflessione teorica sui concetti di relazione e intercultura attraverso alcuni focus group. Il report prodotto a conclusione del progetto è scaricabile da questa pagina e rappresenta in una fotografia l’impegno per l’inclusione sociale di un piccolo gruppo di associazioni, una rassegna di esperienze che si è ritenuto significativo e utile condividere, in quanto riconosciute come buone prassi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.